TURKISH GET UP: Perché è il Re del Functional Training?

Ricordo ancora la prima volta che vidi fare il Get-Up: rimasi completamente affascinato, non avevo mai visto niente del genere.

Un movimento di Get-Up consta di ben 14 esercizi, il che lo rende semplicemente UNICO.

Quando eseguito con peso sufficiente, insegna al corpo molte lezioni di movimento che non possono essere apprese attraverso esercizi con palle, elastici e manubri di Barbie e Ken.

Il Get-Up ha almeno 200 anni e i moderni specialisti lo vedono come un esercizio funzionale straordinario.

Gray Cook, fisioterapista dei Navy Seals e di squadre della NFL, ha dichiarato: il Get-Up è un perfetto esempio di allenamento degli schemi motori primitivi: dal rotolare all’inginocchiarsi, all’alzarsi in piedi, all’allungarsi.

Il Get-Up promuove la stabilità, la mobilità e la resilienza della spalla. Incrementa la forza in molte discipline, insegnando l’importante abilita della “connessione” ed eliminando le “dispersioni” di forza.

Quando è eseguito con carichi pesanti diventa un ottimo esercizio per il “CORE“.

Il fisiologo dell’esercizio, Bret Contreras, ha eseguito misurazioni con l’EMG su oltre 50 esercizi, sulla sezione centrale e su tutto il corpo. Il Get-Up è stato l’unico esercizio in questo esperimento che ha avuto oltre il 100% di picco di attivazione in tutti e quattro i muscoli del “core” che sono stati testati.

Se fossi limitato alla scelta di un solo esercizio, questo sarebbe il Get-Up.

Una volta che avrete conquistato il Get-Up sarete i padroni del vostro corpo, non i suoi ospiti.

Ora però vediamo come mai il Get-Up è così vantaggioso.

Ecco un elenco di motivi:

  • Promuove la lateralizzazione incrociata (permettendo all’emisfero cerebrale destro di lavorare con il lato di sinistro)

  • Promuove la stabilità della parte superiore del corpo

  • Promuove la stabilità della parte inferiore del corpo

  • Promuove la stabilità riflessiva del tronco e degli arti

  • Lega il braccio destro alla gamba sinistra e il braccio sinistro alla gamba destra

  • Fa in modo che gli arti superiori lavorino reciprocamente (anche le gambe)

  • Stimola il sistema vestibolare (1 dei 3 sensi che contribuiscono all’equilibrio)

  • Stimola il sistema visivo (il secondo di 3 sensi che contribuiscono all’equilibrio)

  • Stimola il sistema propriocettivo (il 3° dei tre sistemi che contribuiscono all’equilibrio)

  • Promuove la consapevolezza spaziale

  • Sviluppa uno spostamento anteriore/posteriore del peso

  • Sviluppa la forza della parte superiore del corpo, la forza del tronco e la forza delle anche

Ecco tutte le varie fasi del Get-Up:

  1. La posizione di partenza
  2. Il passaggio al gomito
  3. Il passaggio alla mano
  4. La spazzata della gamba
  5. Dalla posizione di mezza inginocchiata a quella di affondo
  6. L’affondo 
  7. La discesa 

Turkish Get-Up

Adesso hai capito a cosa serve il Turkish Get-Up e perché non deve assolutamente mancare nei tuoi allenamenti?

Leggi anche: A cosa serve il Turkish Get-Up? 

Se conosci già questo straordinario esercizio sai anche che non è per niente semplice eseguirlo correttamente.

Come se non bastasse è difficile persino trovare istruttori davvero competenti ad insegnarlo.

Consapevole di ciò ho creato il Tutorial Completo sul Turkish Get-Up.

Mi sono arrivate davvero tante richieste per questo Tutorial e ho impiegato parecchio tempo per mettere a punto quello che stai per vedere ma sono uno a cui piace fare le cose fatte per bene.

Ho cercato di farlo nel modo più chiaro e semplice possibile e ti assicuro che, alla fine, riuscirai a eseguirlo anche se non l’hai mai fatto in vita tua.

Ti basterà soltanto mettere in pratica tutte le cose che ti mostrerò in questo video:

Se vuoi approfondire l’argomento e imparare TUTTO quello che c’è da sapere sul Turkish Get-Up ti invito a prendere il mio Manuale Specialty Turkish Get-Up, il primo Manuale in Italia dedicato al TGU.

BIBLIOGRAFIA

Certified Kettlebell Instructor Manual – SFG Level I

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici.

Questo mi farà capire che gradisci e mi permetterà di continuare a scrivere articoli.

Grazie del tuo aiuto!

Seguimi sui miei canali per essere sempre aggiornato sulle mie novità:

Facebook Instagram YouTube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *